"Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada lì ricomincia la storia del calcio". Jorge Luis Borges

L’Union Pro 1928 prosegue con la rubrica “L’angolo dello sponsor” per ringraziare tutti le aziende che supportano la nostra società permettendoci di portare avanti i nostri progetti.

In questa occasione il grazie di cuore va a Enrico, Stefano e Lisa dell'agenzia Generali di Conegliano.

L’Union Pro anche dopo la sconfitta contro il Calvi Noale per 3 a 2 nell’anticipo di sabato resta al settimo posto in classifica e domenica contro il Treviso avrà il primo match point per raggiungere i 40 punti e mettere il sigillo all’obiettivo salvezza.

Mister sabato a Noale per l’ennesima volta è arrivata una sconfitta immeritata con la solita falsa partenza che vi ha complicato le cose.

«Si nel primo tempo anche questa volta siamo partiti ad handicap. Ma secondo me non abbiamo fatto malissimo è solo che loro hanno capitalizzato al massimo le occasioni facendoci 2 gol mente noi siamo stati poco incisivi. Per quanto il campo fosse stretto e loro ci pressassero abbiamo fatto la nostra partita».

 Ti senti di imputare qualcosa ai tuoi ragazzi?

«No, abbiamo fatto l’ennesima buona prestazione e la squadra si diverte a giocare. Mi dispiace solo entrare nello spogliatoio e trovare i giocatori con la testa bassa per una sconfitta immeritata ma anche questo fa parte del processo di crescita. Da come abbiamo giocato sembravamo noi i quarti in classifica e consideriamo anche che avevamo fuori quasi tutta la difesa titolare».

Eravate riusciti a recuperare il doppio svantaggio e sembravate in grado di vincerla, poi purtroppo è arrivata l’ingenuità di Da Lio che ha provocato il rigore decisivo.

«Si peccato che l’errore sia arrivato da uno dei nostri giocatori più esperti che tra l’altro aveva fatto una gran partita. Doveva proteggere meglio la palla sulla pressione di Dell’Andrea ma non per questo gli gettiamo la croce addosso, gli errori fanno parte del gioco».

Domenica affrontate l’ultima in classifica con la concreta possibilità di chiudere i conti salvezza.

«Affronteremo il Treviso con la rabbia che dobbiamo avere dopo 2 sconfitte consecutive e andremo in campo per prenderci i punti che ci mancano per poi giocare le ultime giornate senza pressioni di classifica».

Alberto Duprè

L’Union Pro nella 27^ giornata di campionato affronta in trasferta il Calvi Noale nell’anticipo di sabato (Noale ore 15, arbitra Vittorio Umberto Branzoni della sezione di Mestre). La squadra di mister Matteo Vianello nelle ultime 8 partite ne ha vinte 7 e pareggiata una contro la Luparense ed è attualmente al quarto posto. La Pro invece proprio contro i lupi primi in classifica ha interrotto domenica scorsa la serie positiva che durava da 6 giornate.

ALL’ANDATA – Si impose il Noale per 3 a 1. Nel primo tempo doppietta di Fiorica al 2’ e 28’, nella ripresa gol di Volpato al 33’ e definitivo 3 a 1 con autorete di Pomiato al 45’ su punizione di Dell’Andrea.

EX – Sono 4 gli ex della partita: l’attaccante Andrea Dordit dell’Union Pro e 3 del Noale, Enrico Noè in porta, Christian Minio a centrocampo (in panchina dopo il problema alla caviglia) e Alberto De Poli in attacco.

INDISPONIBILI – Sono 5 le assenze quasi tutte in difesa. In porta mancherà ancora Christian Pomiato per il problema all’inguine che farà compagnia in tribuna ai 3 centrali difensivi Alvise Nobile, Alberto Dei Poli (squalificati) ed Enrico Trevisiol che sembra in recupero dalla fascite plantare. A centrocampo ancora out Alessandro Delaini che per il problema muscolare inguinale rischia di aver già chiuso il campionato. Dalla Juniores di mister Battaggia (domani il campionato è fermo) sono stati aggregati Marin, Fornasier, Visentin e Veglianiti.

PREPARTITA – L’allenatore Alberto Gionco non vuol sentir parlare di mancanza di motivazioni: «Non siamo ancora matematicamente salvi e dunque non vedo perché non dovremo scendere in campo con il coltello fra i denti per prenderci i pochi punti che ci mancano per stare tranquilli. Il Noale dopo un inizio difficile di stagione ha trovato la quadratura giusta ed è in piena lotta per i playoff come da programmi estivi».

Hai pensato a come schierare la difesa vista la piena emergenza?

«Mi porto dietro ancora qualche dubbio. Ho Da Lio che può farmi tranquillamente il centrale e per l’altro posto non ho tante alternative e potrei fare una mossa a sorpresa. Abbiamo aggregato 4 ragazzi della Juniores che potrebbero tornarci utili».

PROGRAMMA GIORNATA – Sabato (ore 15) EclisseCareni Pievigina – Vittorio Falmec. Domenica (ore 14 e 30): Giorgione – Liventina, Liapiave – Luparense, Nervesa – Treviso, Real Martellago – San Giorgio Sedico, Tombolo Vigontina San Paolo – Istrana, Union QDP – Mestre. Riposa: Portomansuè.

 Alberto Duprè

CALVI NOALE 3 UNION PRO 2

MARCATORI: pt 3’ Barison, 35’ Franceschi, st 6’ Volpato su rigore, 22’ Dordit, 29’ Dell’Andrea su rigore.

CALVI NOALE (4-3-1-2): Noè; De Bortoli*, Donè, Frison, Taddia; Barison*, Bellemo, Franceschi* (st 37’ Bagarotto*); De Poli; Furlan (st 23’ Dell’Andrea), Fiorica*.

PANCHINA: Titomanlio*, Graziano*, Spolaore*, Cassandro, Minio, Tobaldo*, Cassiani*.

AMMONITI: Bagarotto.

ALLENATORE: Matteo Vianello.

UNION PRO (4-3-1-2): Mason*; Mezzato* (st 19’ Danieli*), Veglianiti*, Da Lio, Marcato* (st 37’ Berardi*); Fuxa (st 41’ Peron*), Meite, Barzaghi* (st 17’ Gentina*); Coin*; Volpato, Dordit*.

PANCHINA: Marin*, Fornasier*, Visentin*, Esmaillou.

AMMONITI: Veglianiti.

ALLENATORE: Alberto Gionco.

ARBITRO: Vittorio Umberto Branzoni della sezione di Mestre.

ASSISTENTI: Fabio Salvagno della sezione di Chioggia ed Edoardo Inviso della sezione di Padova.

NOTE – Calci d’angolo 5 a 1 per il Noale. * Under a referto. Recupero: pt 0’, st 6’. Spettatori 300 circa.

 

NOALE – L’Union Pro perde la seconda partita consecutiva cedendo per 3 a 2 al Calvi Noale quarto in classifica. Risultato bugiardo perché i biancoblù hanno quasi sempre condotto la partita ma hanno pagato a caro prezzo le solite ingenuità difensive. La classifica resta più che buona e la prestazione induce all’ottimismo ma già da domenica prossima nella trasferta contro il Treviso sarà meglio tornare a fare punti per tagliare la fatidica quota 40 che equivale a salvezza sicura.

CRONACA PRIMO TEMPO – Pronti via e al primo affondo passano i padroni di casa. Al 3’ De Poli serve in area sulla destra Barison che calcia al volo e supera Mason anche grazie alla netta deviazione di Da Lio. Al 8’ Franceschi dalla sinistra mette al centro un bel cross per Furlan che prova la deviazione in acrobazia ma ci arriva con un attimo di ritardo. Al 12’ Meite lancia in porta Dordit che però calcia sul fondo. Al 21’ Furlan ruba palla a Veglianiti ultimo uomo e serve al centro Fiorica che controlla e calcia quasi a botta sicura con Marcato che salva spazzando quasi sulla linea. Al 24’ Fiorica ci prova ancora, Mason si fa sfuggire la palla ma poi si riscatta respingendo il tap-in di Furlan. Al 31’ grande lancio di esterno di Meite che pesca in area Volpato che gira di testa con Noè che blocca in presa alta. Al 35’ il Noale raddoppia. Franceschi entra in area dalla sinistra e scocca un gran tiro che Mason può solo guardare infilarsi in porta.

CRONACA SECONDO TEMPO – Nella ripresa gioca solo la Pro. Al 4’ l’ex Dordit entra in area sulla sinistra e viene ingenuamente strattonato da Doné: l’arbitro indica il dischetto senza esitazioni e Volpato spiazza Noè con un destro angolato. Al 15’ su azione di contropiede Fiorica mette in area per Franceschi che quasi sulla linea calcia incredibilmente sul fondo. Al 21’ gran giocata di Meite che serve in area Coin: botta al volo di sinistro e palo pieno! Dopo 1’ il pareggio arriva comunque: Danieli dalla destra crossa teso in area con Dordit che, dopo un rimpallo, incorna di testa a fil di palo. L’inerzia della partita adesso pende dalla parte dell’Union che sembra in grado di completare il sorpasso ma al 28’ accade il classico episodio che decide il match. Da Lio si fa ingenuamente soffiare palla da De Poli che lo salta in tunnel prima di venire steso appena dentro l’area: calcio di rigore che Dell’Andrea realizza con un destro rabbioso che Mason può solo intuire. La squadra di Gionco accusa il colpo anche se continua ad attaccare fino all’ultimo dei 6’ di recupero. Al 50’ su una punizione di Coin Volpato devia di testa colpendo il compagno Veglianiti con la palla che poi carambola fuori.

PROGRAMMA GIORNATA: EclisseCareni Pievigina 1 Vittorio Falmec 2 (giocata sabato). Domenica (ore 14 e 30): Giorgione – Liventina, Liapiave – Luparense, Nervesa – Treviso, Real Martellago – San Giorgio Sedico, Tombolo Vigontina San Paolo – Istrana, Union QDP – Mestre. Riposa: Portomansuè.

Alberto Duprè

L’Union Pro con la sconfitta per 3 a 1 contro la capolista Luparense ha interrotto la serie positiva che durava da 6 giornate ma non ha assolutamente sfigurato contro la Juventus dell’Eccellenza…

Mister avere rimpianti per non aver fatto punti contro la prima è un buon segnale su quanto è cresciuta la squadra giusto?

«Non posso rimproverare nulla ai miei ragazzi sotto il piano dell’impegno. Siamo partiti con la testa e l’intensità giusta ma alla prima occasione la Luparense ci ha castigato. Per l’ennesima volta abbiamo regalato 2 gol e soprattutto contro una squadra esperta e mestierante come loro non te lo puoi permettere».

Nel secondo tempo, anche grazie alla superiorità numerica, avete riaperto la partita e sembravate in grado di pareggiarla.

«Si nella ripresa abbiamo fatto sicuramente meglio noi, eravamo riusciti a tornare in partita con il rigore di Volpato ma purtroppo poi ci siamo fatti trovare scoperti prendendo il 3 a 1 in contropiede su un’altra disattenzione. Il terreno pessimo alla fine ha sfavorito di più noi visto che la Luparense si è adeguata meglio preferendo i lanci lunghi al palleggio. La sconfitta alla fine ci sta ma i 2 gol di differenza sono eccessivi per quanto si è visto».

 Alberto Duprè