"Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada lì ricomincia la storia del calcio". Jorge Luis Borges

L’Union Pro con la vittoria per 2 a 1 contro il Nervesa ha cancellato il passo falso contro il Portomansuè e scacciato i sospetti di chi pensava ad una squadra demotivata visti i diversi interessi di classifica.

Mister qualche malpensante credeva in una facile vittoria dei padroni di casa e invece avete confermato che oltre al carattere anche l’onestà fa parte del vostro dna.

«Si, siamo stati bravi perché per l’ennesima volta abbiamo rimontato. Il rigore per il Nervesa era inesistente, dopo lo svantaggio siamo passati al 4-4-2 e abbiamo trovato l’assetto giusto. Fin da subito nonostante il gol subito avevo visto il piglio giusto che era mancato invece contro il Portomansuè, abbiamo fatto una buona prestazione»

Tutti promossi con una note di merito per Pippo Peron sei d’accordo?

«Si Filippo si è sacrificato a fare 3 ruoli e li ha fatti tutti bene con grande applicazione. Lo spirito di sacrificio di questo gruppo mi sorprende ogni giorno ed è uno dei segreti dell’ottima stagione che stiamo facendo».

Dopo i 2001 Veglianiti e Visentin domenica hai fatto esordire in difesa anche Zanetti, come giudichi la sua partita?

«Alvise è partito un po’ timoroso com’era normale che fosse ma poi si è ripreso e mi è piaciuto. Dopo l’infortunio di Nobile l’ho spostato al centro della difesa e anche lì se l’è cavata bene. Vedremo nelle ultime 3 giornate di fare esordire qualcun altro giovane della Juniores».

Alberto Duprè

L’Union Pro 1928 prosegue con la rubrica “L’angolo dello sponsor” per ringraziare tutte le aziende che supportano la nostra società permettendoci di portare avanti i nostri progetti.

In questa occasione il grazie di cuore va ad Ascotrade Gruppo Ascopiave.

L’Union Pro nella 29^ giornata di campionato va a far visita ad un Nervesa affamato di punti salvezza (ore 15 e 30, arbitra Guido Verrocchi della sezione di Sulmona). In classifica la Pro è settima con 40 punti mentre il Nervesa è terzultimo con 23 punti e ad oggi disputerebbe lo spareggio salvezza contro il Vittorio Falmec.

INDISPONIBILI – In difesa sempre fuori causa Enrico Trevisiol che ha chiuso la stagione anzitempo a causa della fascite plantare. A centrocampo mancherà Alessandro Delaini che però è in netto recupero e potrebbe essere convocato per una delle prossime partite. Il difensore Manuel Danieli ed il centrocampista Sebastiano Coin si sono allenati solo venerdì ma saranno entrambi a disposizione.

PREPARTITA – L’allenatore Alberto Gionco più del Nervesa teme il rilassamento della propria squadra: «Dopo la salvezza raggiunta è calata un po’ la tensione, è una cosa fisiologica che avevo già provato da giocatore. Restano però ancora 4 partite da giocare e la gente si ricorda più di come finisci la stagione che del resto quindi bisogna dare il massimo fino alla fine. A Nervesa andiamo come sempre per fare la nostra partita, loro hanno sicuramente più motivazioni di noi ma anche più tensione visto che non possono sbagliare mentre noi dobbiamo sfruttare il vantaggio di avere la mente sgombra».

PROGRAMMA GIORNATA: Calvi Noale – Union QDP, Eclisse CareniPievigina – Giorgione, Liapiave – Vittorio Falmec, Portomansuè – Istrana, Real Martellago – Liventina, Tombolo Vigontina San Paolo – Mestre, Treviso – San Giorgio Sedico.

Alberto Duprè

NERVESA 1 UNION PRO 2

MARCATORI: pt 15’ Mason su rigore, st 3’ Berardi, 37’ Coin su rigore.

NERVESA: Berto, Dametto (st 18’ Rossetto), Anselmi (st 29’ Zonta), Marcon (st 43’ Pinarello), Biasi Manolache, Ton, Visentin, Fracaro, Cibin, Damiano Mason, Luna.

ALLENATORE: Renzo Groppello.

UNION PRO: L. Mason, Zanetti, Marcato, Meite, Nobile (st 39’ Gentina), Dei Poli, Fuxa (st 18’ Coin), Barzaghi (st 31’ Esmaillou), Volpato (pt 22’ Berardi), Peron, Dordit.

ALLENATORE: Alberto Gionco.

ARBITRO: Guido Verrocchi della sezione di Sulmona.

NOTE - Ammoniti: Dametto, Barzaghi e Peron. Angoli 5 a 2 per l’Union Pro. Recupero: pt 2’ st 4’.

 

NERVESA DELLA BATTAGLIA – L’Union Pro dopo il passo falso contro il Portomansuè rialza subito la testa e vince per 2 a 1 in rimonta contro il Nervesa. Chi si aspettava una squadra arrendevole viste le diverse motivazioni di classifica ha sbagliato a fare i conti, la squadra di mister Gionco ha invece confermato di avere ancora fame e di voler onorare il campionato fino alla fine senza fare favori a nessuno.

CRONACA PRIMO TEMPO – Partono meglio i padroni di casa. All’8’ Mason serve Marcon che invece di concludere tenta un improbabile assist per Cibin con l’azione che sfuma. Al 15’ il Nervesa passa in vantaggio: Visentin dalla sinistra lascia partire un cross per Cibin che viene anticipato da Barzaghi, l’arbitro però fra lo stupore indica il dischetto. Damiano Mason trasforma battendo centralmente e superando l’omonimo Lorenzo Mason. Al 18’ l’attaccante di casa cerca la doppietta ma il suo tiro dal limite si perde alto. Al 22’ Rej Volpato è costretto ad abbandonare il campo per un problema inguinale che rischia di fargli finire anzitempo la stagione. Nel finale di tempo la Pro sfiora il pareggio 2 volte con Abba Meite che prima ci prova al 36’ su punizione (parata da Berto) e poi al 39’ con un tiro dal limite che sfiora il palo.

CRONACA SECONDO TEMPO – La ripresa si apre sempre con i biancoblù all’attacco e al 3’ arriva il pareggio. Su angolo di capitan Fuxa Berardi ruba il tempo a tutti e insacca di testa alle spalle di Berto. Il Nervesa si sbilancia alla ricerca della vittoria lasciando però ampi spazi dietro. Al 15’ Meite si fa tutto il campo ma scivola al momento di servire l’assist. Al 37’ arriva comunque il sorpasso. Ton è ingenuo nell’atterrare in area Berardi con l’arbitro che concede il rigore. Sul dischetto si presenta Seba Coin che supera Berto e segna il gol numero 9 in campionato.

ALTRI RISULTATI - Calvi Noale 2 Union QDP 0, Eclisse CareniPievigina 0 Giorgione 1, Liapiave 1 Vittorio Falmec 2, Portomansuè 2 Istrana 2, Real Martellago 1 Liventina 2, Tombolo Vigontina San Paolo 1 Mestre 2, Treviso 0 San Giorgio Sedico 2.

Alberto Duprè

Per la rubrica “Settore Giovanile” questa volta intervistiamo Dario Ronchin, mister dei nostri Allievi Sperimentali attualmente al quarto posto in classifica con 53 punti quando mancano 3 giornate per chiudere il campionato.

Come allenatore hai già maturato parecchie esperienze. Ci descrivi tutte le tappe della tua carriera in panchina?

«Ho iniziato ad allenare proprio alla Pro Mogliano nel 2005 quando ancora giocavo con una squadra di Piccoli Amici. Poi ho fatto un anno all’Aurora Treviso e successivamente alla GazzeraOlimpia Chirignago dove a livello giovanile ho allenato per un paio d’anni gli Juniores Regionali fino ad approdare alla prima squadra in Promozione per tre anni. L’anno successivo, sempre in prima squadra, sono stato al Mestre in Prima categoria, poi nel 2012 in Eccellenza con l’Edo Mestre fino a fine gennaio quando sono stato esonerato. Gli ultimi 4 anni invece ho allenato a Casale sul Sile, paese dove vivo con la mia famiglia, in varie categorie (Pulcini, Esordienti ed Allievi). A Casale inoltre ho rivestito il ruolo di responsabile dell’attività agonistica».

Come giudichi la stagione della tua squadra fino a questo momento?

«Il gruppo che mi è stato affidato è di buona qualità. Diciamo che, durante il campionato, abbiamo alternato delle buone e convincenti prestazioni ad altre un po’ incolori cercando comunque, ed è la base della filosofia di calcio dell’Union Pro 1928, di proporre sempre un tipo di calcio propositivo. Nel mio modo di vedere il calcio è importante, oltre alla crescita individuale e collettiva, la ricerca della creazione di una mentalità vincente basata sulla cultura del lavoro, sulndare il meglio di sé sia in allenamento che in partita, sull’affrontare i problemi anche “da squadra” con fiducia e determinazione. Cercare la vittoria attraverso il gioco, accettare anche i risultati negativi senza trovare alibi, ed anzi, capire che le sconfitte possono essere lo stimolo per migliorarsi».

Da qui alla fine che obiettivo vi siete posti?

«Se andiamo a guardare l’aspetto inerente i risultati, al momento mancano 3 partite alla fine del campionato e, benché la classifica conti relativamente, siamo al 4° posto e il nostro obbiettivo è quello di arrivare a 60 punti. Nonostante qualche incidente di percorso, sono contento dell’andamento della squadra e sono convinto che il lavoro fatto con i ragazzi quest’anno, porterà i propri benefici il prossimo anno, quando i ragazzi andranno ad affrontare un campionato molto importante e difficile come quello degli Allievi Élite».

Avendo allenato in tante società è d’obbligo chiederti come ti stai trovando all’Union Pro.

«L’ambiente e le strutture messe a disposizione sono l’ottimale per poter lavorareal meglio e con la massima serenità. La società è molto organizzata, sempre presente, attenta e partecipe. Il rapporto fra noi allenatori ed i dirigenti è molto collaborativo e costruttivo. Secondo il mio punto di vista, alla luce dei risultati ottenuti anche quest’anno, sia a livello di prima squadra che a livello giovanile, credo sia corretto affermare che l’Union Pro si stia consolidando anno dopo anno come una realtà importante sia a livello locale che a livello regionale. Avanti così e sempre forza Union Pro!».

 Alberto Duprè