"Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada lì ricomincia la storia del calcio". Jorge Luis Borges

Non è stato il migliore degli inizi per l’UnionPro, che perde contro Portomansuè la prima partita di questo campionato di Eccellenza, al via domenica 8 settembre, dopo una prima parentesi di Coppa Italia. Il primo tempo comincia con l’Union Pro decisa a dimenticare la prestazione negativa di domenica scorsa, ma lo svantaggio arriva dopo pochi minuti, con un cross che spiove sui piedi di Tarlo e concretizza un tiro a giro sul palo sguarnito da Elia Ziliotto. Ma la squadra di casa cerca la reazione e ritorna subito in attacco, con PortoMansuè che respinge gli assalti. 

Al 9’ minuto, Sebastiano Coin batte un calcio d’angolo: la deviazione di capitan Alvise Nobile spinge la palla in rete, ma il gol viene annullato dall’assistente di linea per un sospetto fuorigioco. Non perde fiducia l’Union Pro, che comunque sembra avere il pallino del gioco tra le sue mani. Tuttavia, un retropassaggio costa il raddoppio ospite: Duravia pressa l’estremo difensore Elia Ziliotto, che cerca il dribbling ma perde palla. 

Sebastiano Coin accorcia le distanze poco dopo la metà del primo tempo, con un bel tiro di precisione che fulmina il portiere ospite Daniele Bigaj: il cross spiove nell’area del portiere, viene respinto malamente, ma il bomber Coin raccoglie dal limite e scocca il destro che si insacca alla sinistra del portiere. Pochi minuti dopo, è Paolo Fabbri a rischiare di pareggiare, sempre su calcio d’angolo, ma il “piatto” esce di poco a lato. da calcio d’angolo con piatto di Fabbri.

Dopo il tris di Portomansuè, il secondo tempo riapre con Union Pro che prova a ritornare all’attacco, ma subisce 2 gol che chiudono definitivamente il match. Il gol della bandiera lo segna il neo-entrato Riccardo Martinuzzi, con un preciso tiro che finalizza una bella galoppata di Pierluigi Marcato.

 

UNION PRO 2 - 6 PORTOMANSUE

MARCATORI: pt 4’ Tarlo, 17’ Duravia 24’ Coin, 38’ Gnago; st 15’ Gnago; st 18’ Baggio, st 34’ Martinuzzi, st’ 40’ Gnago

UNION PRO: Ziliotto, Polo (st 31’ Zanetti), Perissinotto, Marangon (st 31’ Martinuzzi), Nobile, Fabbri, Marcato, Gentina, Peron (st 26’ Mattiello), Coin, Berardi (st 16’ Lopez).

PORTOMANSUÈ: Bigaj, Kogoi, Roman, Moretti, Ton, Cardin, Duravia (st 41’ Goudiaby), Dassiè (st 26’ Tomasella), Gnago, Baggio (st 20’ M. Dema), Tarlo (st 31’ E. Dema).

ARBITRO: Branzoni di Mestre, assistenti Rocco di Mestre, Salviato di Castelfranco 

NOTE: ammoniti: Marangon, Dassiè, Tomasella

 <C’è da migliorare, anche sotto il punto di vista della prestazione fisica. Nel primo tempo abbiamo tenuto un buon pallino di gioco, e abbiamo cercato di fare quel che abbiamo provato in questo mese: alcune cose sono riuscite, altre meno. Ma ho visto buona volontà, spirito di sacrificio. Non ci sono state tante occasioni da gol, ma in questo momento la “benzina” è questa. Sono fiducioso, perché ho visto l’idea, ed è questo l’importante>.

Sono queste le parole del mister Alberto Gionco, al termine dell’esordio contro Spinea, prima gara ufficiale della stagione calcistica, che termina con un pari a reti inviolate. Gli ospiti, subito dopo il calcio d’inizio, cercano di guadagnare il fondo, ma i terzini Elia Fontolan e Pierluigi Marcato chiudono bene lo spazio sulle fasce. Dopo qualche minuto di studio, l’UnionPro ritrova la confidenza necessaria per risalire il terreno di gioco dello stadio Panisi e portarsi in avanti. 

Lo Spinea sembra adottare una tecnica più “attendista”, con una linea difensiva molto alta e capace di trarre in inganno gli attaccanti dell’Union, ma la squadra di casa è molto più presente in attacco. Verso il 35esimo, l’uscita rocambolesca del portiere ospite Mauro Urban su calcio d'angolo coinvolge l’attaccante Andrea Dordit, costretto ad abbandonare il campo anzitempo per problemi alla spalla.

Nel secondo tempo, il calo fisico dell’UnionPro favorisce l’attacco dello Spinea, che subito cerca il gol: decisivo il salvataggio di Elia Fontolan sulla linea del gol, all’8° della ripresa, dopo un pallonetto morbido che ha spiazzato il portiere Elia Ziliotto. Ma pian piano, l’UnionPro risale la china, e sul finale di partita, accelera per cercare il gol del vantaggio. Prima, una punizione rasoterra del neo entrato Sebastiano Coin che sbarba il palo destro difeso dal portiere avversario Urban; successivamente, una galoppata di Berardi che però non riesce a battere l’estremo difensore.

Triplice fischio, e ora, la testa va alla prossima partita: San Donà, 1 settembre alle 17, secondo turno di Coppa Italia Eccellenza. <Sarà un buon test, contro una squadra che ha intenzione di giocarsi il passaggio nella categoria superiore. - conclude mister Gionco - Andremo lì per giocarcela>.

"Siamo felici di stringere un accordo con una realtà seria come l’UnionPro e con un progetto così ambizioso – sono le parole del responsabile di Udinese Academy Maurizio Franzone – L’idea di creare un Consorzio per rilanciare la società dimostra la volontà e la propensione a lavorare in squadra, una filosofia che ben si sposa con quella che ha ispirato il progetto Udinese Academy. Lavoravamo da tempo per questa partnership e ora possiamo annunciare con soddisfazione che l’Union Pro, tra l’altro dotata di strutture sportive di primo livello, diventerà uno dei nostri centri di formazione per il Veneto. Come Udinese Calcio, sabato 13 luglio saremo presenti a Mogliano per suggellare questa collaborazione”.